parrocchia - celebrazioni - omelie - cattedra - oratorio - gruppi - come albero - preti - blog - link

 

 

La Parola predicata


 

 

 


Anno liturgico C


omelia di don Giuseppe
nell'ultima domenica dopo l'Epifania
domenica 14 febbraio
2010

 
Sir 18,11-14;
2Cor 2,5-11;
Lc 19,1-10.

Domenica scorsa abbiamo letto la chiamata di Levi-Matteo, pubblicano, cioè esattore delle tasse per conto dei Romani, potenza straniera che occupava il Paese al tempo di Gesù. Oggi l’Evangelo ci presenta il capo dei pubblicani, Zaccheo. Di quest’uomo conosciamo la bassa statura, l’ingente ricchezza frutto di rapine e frodi. Di lui l’evangelista Luca che non è affatto tenero con coloro che hanno accumulato grandi ricchezze, dice che “cercava di vedere Gesù”. Vorrei dedicare proprio a questo verbo – cercare – la mia riflessione.
Le prime pagine del vangelo di Marco registrano con singolare freschezza e vivacità l’impressione suscitata dalla predicazione di Gesù e dai suoi gesti di guarigione. Uno stupore che diviene un moto popolare, una sorta di esaltazione di massa: Tutti ti cercano, dice Pietro. E infatti tutti i malati vengono portati presso Gesù al calar del sole, tutta la città è riunita davanti alla porta. E Gesù guarisce molti. Marco ci restituisce questo “mattutino” dell’Evangelo. Al capitolo 3 dirà ancora: “Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall’Idumea e dalla Transgiordania e dalle parti di Tiro e Sidone, una gran folla sentendo ciò che faceva si recò da Lui”. Un vero e proprio moto di massa verso Gesù.
La gente lo cerca, tutti lo cercano e Gesù si sottrae, diffida di questi bagni di folla e si leva di buon mattino, quando ancora è buio per ritirarsi in un luogo deserto e pregare. E quando Simone e gli altri lo trovano e vorrebbero riportarlo tra la folla, Gesù riprende il suo cammino: «Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là, per questo infatti sono venuto». (Mc 1,35ss.). C’è una ricerca di Gesù da parte della folla e Gesù si sottrae. In un’altra occasione la folla cercherà Gesù e Gesù si sottrarrà. Lo riferisce Gv 6: la folla che ha mangiato pane in abbondanza vuole assicurarsi questa risorsa straordinaria facendo Gesù re. “Ma Gesù sapendo che stavano per venire a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sulla montagna, tutto solo”. Anche qui una ricerca di Gesù da parte della folla e il sottrarsi di Gesù. È interessante notare che identica espressione ritroviamo sempre in Lc 9,9: è Erode incuriosito per quanto si dice a proposito di Gesù. Ma anche questa ricerca non porterà all’incontro. Erode, ci dice sempre Lc 23,8 si rallegrerà di aver dinanzi a sé Gesù nel corso della cattura e del processo perché spera di vedere da lui qualche miracolo. Ma anche quell’incontro si risolverà nell’assoluto silenzio di Gesù. Di nuovo una ricerca mossa da malsana curiosità, una ricerca sbagliata che non genera un incontro. Potremmo dire che Gesù diffida di questa ricerca collettiva, di massa sotto la spinta di episodi meravigliosi: le guarigioni, la moltiplicazione dei pani. Una ricerca palesemente mossa da un tornaconto, la ricerca di gesti di potenza, mirabolanti che risolvono i bisogni immediati e più urgenti. A questo tipo di ricerca utilitaristica Gesù si sottrae.
Ci sono invece altre situazioni di ricerca di Gesù – singolare l’uso del medesimo verbo – e in questi casi Gesù si lascia trovare, incontrare. Così per Zaccheo (Lc 19,3).
“Cercava di vedere Gesù”… i due verbi dicono più di una semplice curiosità, indicano una inquietudine, una ricerca che sfida anche il rischio del ridicolo, arrampicarsi sull’albero, pur di “vedere” Gesù.
“Oggi” … anche questa non è semplice indicazione cronologica. Luca sottolinea spesso l'oggi della salvezza: "oggi vi è nato un Salvatore" (2,11); "oggi si è adempiuta questa scrittura" (4,21); "oggi abbiamo visto cose prodigiose" (5,26); "ecco, io scaccio e demoni e compio guarigioni, oggi e domani e il terzo giorno avrò finito" (13,32); "oggi sarai con me in paradiso" (23,43).
Questo oggi è l'ora decisiva, è il momento da non lasciar passare, l'occasione risolutiva.
“Dovrò sostare a casa tua” … il verbo “devo” esprime la serietà di tale sosta, non puro gesto di cortesia ma momento della missione salvatrice di Gesù.
“Subito” … due volte ritorna questo avverbio, non nuovo nel linguaggio della vocazione. Anche i pescatori chiamati dalla pesca lasciano “subito” ogni cosa per seguire Gesù (Mt 4,20).
“E l'accolse con gioia” … il verbo qui adoperato è lo stesso che nell'annunciazione a Maria esprime la gioia messianica: Gioisci, rallegrati Maria. È lo stesso invito alla gioia che troviamo nei profeti Sof 3,14: "Gioisci, figlia di Sion, esulta Israele e rallegrati con tutto il cuore" (cfr. Zac 9,9). Ritroviamo lo stesso verbo nelle parabole lucane della pecora smarrita e del figlio prodigo: "Rallegratevi con me perché ho trovato la mia pecora perduta” … “Biso-gnava far festa e rallegrarsi perché questo tuo fratello era morto ed è tornato alla vita".
Questa pagina, più di ogni altra, merita il suo nome: Evangelo, buona notizia. La buona notizia è appunto questa: Io vengo, oggi devo fermarmi a casa tua. Da parte di Dio c'è una domanda di ospitalità e da parte nostra la decisione di aprire la porta: "Io sto alla porta e busso, se uno mi apre entrerò da lui e faremo cena insieme" (Ap 3,20).
Eppure questa venuta poteva essere sinonimo di sventura: una volta Dio aveva detto a Mosè: "Voi siete un popolo dalla testa dura, se venissi in mezzo a voi vi sterminerei" E Mosè aveva replicato: "Anche se questo popolo ha la testa dura, degnati di venire in mezzo a noi, perdona i nostri peccati e fai di noi la tua eredità". Da allora l'annuncio della venuta di Dio nel suo popolo è diventata buona notizia, evangelo. Il cristianesimo consiste in questo annuncio che genera nell'uomo stupore, meraviglia. È la scoperta sempre nuova della libera e gratuita iniziativa di Dio. Non siamo noi che per primi andiamo alla ricerca di Dio, è lui che viene incontro a noi, si invita a casa nostra: "In questo sta l'amore, non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo figlio … noi amiamo perché egli ci ha amati per primo" (1Gv 4,9.19). E questa ricerca non mossa da curiosità ma dalla acuta consapevolezza della sua vita sbagliata genera un profondo mutamento di vita in direzione della giustizia verso quanti sono stati frodati e della condivisione con i poveri. Ecco un vero cercatore di Gesù. Ancora abbiamo due volte il verbo “cercare” all’inizio e al termine del Vangelo di Giovanni, un procedimento di inclusione che sembra voler dire: l’evangelo è per coloro che cercano. Come i due discepoli del Battista. A loro Gesù si rivolge con l’interrogativo: “Che cercate?” (1,38) e come Maria di Magdala, il mattino di Pasqua: “Donna chi cerchi?” (20,15). In entrambi i casi Gesù si lascia trovare, incontrare: con i due discepoli resta a lungo insieme, si lascia abbracciare da Maria al punto di dire: “Non mi trattenere …”.
Si tratta di veri cercatori: i primi sollecitati dal Battista di cui erano già seguaci vanno dietro a Gesù, la seconda, appassionata discepola di Gesù che, una volta guarita lo ha seguito mettendo a disposizione del Maestro i suoi beni e tutta se stessa, che non l’ha abbandonato solo sul Calvario e che il mattino del primo giorno dopo il sabato quando ancora è buio si reca al sepolcro per onorare il cadavere. A questa cercatrice appassionata Gesù si fa incontro. Allora veri cercatori sono coloro che si muovono verso Gesù non mossi da tornaconto, interesse, curiosità malsana, voglia di “meraviglioso”. Trovano Gesù, meglio Gesù si lascia trovare da coloro che, consapevoli della propria povertà, a mani vuote, cercano. Possiamo inventare una nuova beatitudine: beati coloro che cercano con cuore puro: vedranno Dio.


Preghiera dei fedeli

Signore ascoltaci.

Preghiamo per la Chiesa e la nostra comunità: siano come la casa di Zaccheo abitazione di peccatori che tu vuoi salvare …

Preghiamo per ogni uomo e donna che come Zaccheo cerca di vedere il tuo volto: sia raggiunto dal tuo sguardo …

Preghiamo per quanti hanno pubbliche responsabilità: come Zaccheo si convertano alla giustizia e al bene dei poveri …

Preghiamo per Luigia Verri, Caterina Celano, Lina Baini e Luciano Gelosa: siano nella tua pace …

 

 

 

 



torna alla homepage